SEDUM

Parecchi anni fa avevo accompagnato mio marito a scegliere qualche oggetto come ricordo di una sua lontana parente, deceduta già da mesi. Nell’uscire dall’abitazione avevo visto sul terrazzino delle piantine striminzite e, mentre raggiungevo l’ascensore avevo “sentito”, se si può dire così, il loro desiderio di vivere. Per cui avevo fatto dietro front e preso…

FRATELLO DELFINO

La seguente storia invece mi è stata raccontata direttamente dal protagonista, ma potreste averla già letta sui giornali. Un ortopedico, finite le vacanze africane, stava dirigendosi con la famiglia all’aeroporto, quando la macchina aveva superato un carretto con sopra un delfino. I figli, giratisi a guardare, avevano visto che si muoveva debolmente ed avevano cominciato…

EMPATIA

Tra le facoltà superiori una è sviluppata (e pertanto studiata) anche a livello fisico: l’empatia! Essa consiste nel percepire il vissuto (soprattutto di sofferenza) di un altro, che appartenga alla nostra specie o anche no, come sa bene chi ama la natura.

SANTIPPE

Era di maggio quando Santippe, una delle nostre tartarughe, era diventata visibilmente nervosa: non stava più accanto al vecchio maschio, ma andava in giro come un petardo, rifiutando il cibo. Seguendo l’insegnamento dell’etologo Konrad Lorenz, per comunicare con gli animali mettetevi all’altezza dei loro occhi, l’avevo messa su un gradino, mentre io mi ero accucciata…

IL CIRCUITO DELLA PROVVIDENZA

Mi rendo conto di vivere in maniera insolita rispetto alla media delle persone. Forse perché me lo permetto, o perché sono consapevole del sistema? In effetti dopo un “master in armonia”, ascolto senza resistenze interiori o preconcetti i codici con cui le anime (al plurale, sì) si esprimono, che siano segni sogni simboli coincidenze o…

TRENO PER LHASA

Una buona comunicazione può essere super sintetica; in genere la si comprende a posteriori e serve a metterti sull’avviso. Nel 2007, al mio primo giorno di vacanza, mi ero svegliata con tre parole nell’orecchio, treno per Lhasa. Chiare, risonanti e non mie. Nel cercare di capire cosa implicassero, avevo raccolto una copiosa documentazione sul Tibet…

AOSTA

Torniamo alla medianità. Un caro amico aveva fatto domanda per entrare come ufficiale negli alpini: era laureato in ingegneria e maestro di sci, ma non aveva tenuto conto di essere un po’ talpa: aveva dieci diottrie da entrambi gli occhi… Di conseguenza era stato scartato come ufficiale, senza però essere esonerato. C’era rimasto maluccio, poi…

CODICI DELL’ANIMA: SINCRONICITA’

Tra i codici che l’anima utilizza per dare il suo contributo a chi si è dimenticato di lei, uno colpisce particolarmente quando si verifica, anche se non lo si sa attribuire; si tratta di coincidenze improvvise e inaspettate, che si fanno notare sia perché sembrano al di fuori di una catena di causa ed effetto…

ESEMPI DI SINCRONICITA’

La sincronicità colpisce anche perché ha in sé un elemento fuori luogo. Vi propongo alcuni esempi. Un liceale alla soglia della maturità è in metro all’ora di punta, quando nota una pubblicità: scuola di osteopatia. Però si rende conto che non potrebbe vederla, data la calca; inoltre ha una tonalità forsforescente, come fosse più vivida….

IL CERCHIO QUADRATO

Ogni tanto, per rilassarmi, provo a isolarmi, ma non sempre ci riesco; un mattino, ad esempio, una mail mi aveva fatto cambiar proposito in un amen. La scriveva un musicista, da tempo in lotta con una distonia focale, che è l’uomo nero di ogni concertista: nel suo caso inibiva l’agilità della mano e irradiava dolore…

SUL LOGO

Il logo è una rappresentazione simbolica di un contenuto, o di un progetto, o di una persona. Il logo “Amico MetT”, anche se appena nato, ha già una sua storia. Una prima versione era venuta da sé, mentre smanettavo su una base dorata con photoshop: una spirale dai molti significati e a fatica zero. Mi…

CODICI DELL’ANIMA: I SIMBOLI

Per comunicare col corpo/mente l’anima adotta diversi metodi. Il più tipico è il simbolo, che ha la proprietà di essere sintetico, evocatorio ed incisivo e di contenere vari livelli di lettura. Gli studiosi dell’Antica Tradizione lo avevano definito “legame del visibile con l’invisibile”, pensate alla croce, al pentagramma, al tao, solo per citarne alcuni. Oggi…